BLACK & WHITE STORIES: JUVE-GENOA IN COPPA ITALIA

By realcamisetas No comments

Sono 6 i precedenti tra Juventus e Genoa in Coppa Italia giocati a Torino. La Signora ha prevalso 5 volte, il Grifone una, nella prima gara datata 6 aprile 1939. In ben 3 occasioni, superare il turno ha rappresentato un passaggio importante per arrivare a vincere la competizione: è successo nel 1942, nel 1959 e nel 2018.

JOYA DI COPPA

L’ultimo Juventus-Genoa si è giocato nel dicembre del 2017 ed anche in quel caso – come per la gara di mercoledì sera – la sfida vale l’accesso ai quarti di finale. Altra coincidenza è la presenza in panchina del tecnico rossoblu Ballardini, che anche in quella stagione era subentrato in corso d’opera esattamente come adesso. A dare il via al successo bianconero è stato Paulo Dybala, con un sinistro rasoterra da fuori area che ha sorpreso il portiere Lamanna per la velocità d’esecuzione.

LA SERATA ARGENTINA

Oltre a Dybala, a decidere l’ultimo Juventus-Genoa ci ha pensato il connazionale HiguainIl Pipita ha messo il sigillo del definitivo 2-0 a un quarto d’ora dal termine. E lo ha fatto con un diagonale appena dentro l’area, ispirato dal compagno argentino. Juve vincente e senza subire gol: una prassi che si è mantenuta costante nei turni successivi fino alla finale, con il secco 4-0 sul Milan che ha consentito ai bianconeri di alzare la tredicesima Coppa Italia.

L’ACUTO TEDESCO

Torniamo indietro nel tempo, al 1992: altro stadio, il Delle Alpi, ma Juve ugualmente vincente, seppure di misura. La gara viene decisa da un tiro del tedesco Andy Moeller, bravo a superare il grande ex della sfida, Stefano Tacconi. La formula dell’epoca prevede anche il ritorno a Marassi e i bianconeri si ripetono vincendo 4-3.

3-1 AL COMUNALE

Ancora uno scenario diverso, il Comunale, ancora un decennio più lontano. 7 settembre 1980, la curiosità del pubblico è in gran parte indirizzata verso Liam Brady, il nuovo acquisto straniero che calamita l’attenzione generale. La partita con il Grifone presenta due volti. 0-0 nel primo tempo, gol e divertimento nella ripresa a definire il risultato finale di 3-1. Ad aprire le marcature ci pensa Cabrini dagli 11 metri, superando Martina, che pure intuisce il tiro. Le altre realizzazioni sono di Fanna, Russo per gli ospiti e Prandelli a chiudere.

Deja un comentario